VETERINARIA: Il Governo emana le sanzioni sull'identificazione dei cavalli




Il 16 Febbraio scorso è stato emanato il Decreto Legislativo con cui sono normate le sanzioni inerenti l'identificazione degli equidi.
La legge è molto dettagliata in riferimento alle diverse tipologie di situazioni e sanzioni. Sul sito FISE / Attività / Veterinaria / Archivio Giuridico è riportato per intero il Decreto di cui si consiglia di prendere visione, eventualmente anche cliccando qui. 
Di seguito sono riportati solo alcuni stralci per dare l'idea dell'importanza della norma.

Art. 3
"... chiunque detenga equidi non in regola con gli obblighi di identificazione, di cui all'articolo 3 del regolamento (CE) n. 504/2008, e' soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria ... da 900 euro a 4.500 euro per ogni capo non regolarmente identificato della specie equina".

" chiunque modifichi o contraffaccia il passaporto di un equide e' soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da 3.000 euro a 18.000 euro per ogni documento"

"... il titolare di una azienda, il proprietario di un equide o il detentore delegato, che sposti dall'azienda o introduca in essa un animale ... senza che lo stesso sia accompagnato dal passaporto e dal documento di provenienza o modello IV, e' soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da 300 euro a 1.800 euro per ogni capo"

Art.4
"... il proprietario o il detentore delegato che ometta di inviare alla APA, AIA, ANA o UNIRE, a seconda della rispettiva competenza, la richiesta di registrazione in anagrafe, di un equide nato in Italia o proveniente da un Paese membro della Unione europea, identificati in conformita' con le decisioni n. 93/623/CEE e n. 2000/68/CE, e' soggetto al pagamento di
una sanzione amministrativa pecuniaria da 300 euro a 1.800 euro per ogni capo".

"... il proprietario o il detentore delegato che ometta di inviare alla APA, AIA, ANA o UNIRE, a seconda della rispettiva competenza, la richiesta di registrazione in anagrafe, entro sette giorni dall'introduzione in azienda, di un equide proveniente da un Paese membro della Unione europea, e' soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da 300 euro a 1.800 euro per ogni capo. Sono esclusi dagli obblighi di registrazione, gli equidi introdotti in Italia per essere destinati direttamente al macello o introdotti  temporaneamente ai fini di manifestazioni ippico-sportive ufficiali".


 

Partner

Poniamo

CSI Modena

Webmail | Accedi alla tua email

I cookie vengono utilizzati per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza. I cookies necessari per il funzionamento essenziale del sito sono già stati impostati. Per maggiori dettagli vai qui privacy policy.

Ho letto e accetto i cookies di questo sito